Exag (città)

Exag è una città che sorge al centro di un avvallamento, ai piedi dei monti Yatil, nelle Perrenlands, nelle Colline dell'Alba.
E' una città antichissima, cirocondata da mura sottili ma pressochè indistruttibili alte dieci metri.
La città è estremamente isolata e i suoi abitanti xenofobi e paranoici. Flan dal sangue purissimo, gli abitanti di Exag vestono con semplici tuniche lunghe di lana tessuta a mano, quasi sempre macchiate di argilla rossa. Non esistono milizie organizzate in Exag, e la gente vive in piccoli gruppi e si nutre coltivando funghi, cereali, verdure e cacciando piccioni, cani e ratti. Alcuni coltivano sulle terrazze vicine alla cisterna alla base dell'acquedotto anche frutta e alcune verdure. Gli abitanti di Exag pensano che le scomparse degli uomini a causa degli spriggan siano dovuti a interventi del mondo esterno, anche per questo non vedono di buon occhio i nuovi venuti, rimanendo ai lati della piazza dove si mescolano coi visitatori.
Spesso, studiosi, curiosi ed esploratori arrivano ad Exag per studiare i suoi monumenti esotici.
Il cibo ultimamente è divenuto molto scarso e i ragazzi sono spesso in crisi di astinenza.
Secondo la leggenda, le mura, le piramidi e l'acquedotto sono stati creati dai “Costruttori”, dei lontani e alieni che vengono riveriti in città, che però non possono fare nulla per difendere gli abitanti da minacce esterne alla città stessa.

  • Isolata
  • Xenofoba
  • Paranoica
  • Non esistono milizie organizzate
  • La gente vive in piccoli gruppi
  • Coltivano funghi, cereali, verdure
  • Cacciano piccioni, cani, ratti
  • Pensano che le scomparse degli uomini a causa degli spriggan siano dovuti a interventi del mondo esterno
  • Gli abitanti non vedono di buon occhio i nuovi venuti
  • Studiosi, curiosi ed esploratori arrivano ad Exag per studiare i suoi monumenti esotici
  • Alcuni abitanti coltivano sulle terrazze molti tsanno ai lati della piazza dove si mescolano coi visitatori
  • Il cibo è scarso
  • Gli edifici sono stati costruiti dai “Costruttori”
Salvo diversa indicazione, il contenuto di questa pagina è sotto licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 License